Dop, Igp e produzioni di qualità

Cavolfiore all'uso di Romagna, chêvalfjór, chêvalfiôr

Forlì-Cesena

Territorio di produzione

Intera provincia di Forlì-Cesena.

Descrizione sintetica del prodotto

Ortaggio cucinato con aggiunta di aglio, prezzemolo, pomodoro.

Come si fa

"Dividete una grossa palla di cavolfiore, o due se sono piccole, in spicchiettini che laverete; e così crudi, senza asciugarli, cuoceteli in questo modo: ponete al fuoco un battuto proporzionato di aglio,  prezzemolo e olio, e quando sarà rosolato fermatelo con un gocciolo d’acqua. Gettateci allora il cavolfiore condendolo con sale e pepe e quando avrà assorbito il battuto tiratelo a cottura mediante conserva di pomodoro sciolta nell’acqua calda. Dategli grazia e più sapore col parmigiano quando lo mandate in tavola, ove può servir per contorno al lesso, a un umido o ad un cotechino".

Curiosità

Indovinello che allude al cavolo

A vegh int l’ort,

a trov un frê mort,

a i tir so la camisa,

e a i taj la radisa.

Traduzione: Vado nell’orto, / trovo un frate morto, / gli tiro su la camicia, / e gli taglio la radice.

Referenze bibliografiche

Pellegrino Artusi, La Scienza in cucina e l’Arte di mangiar bene, introduzione e note di Piero Camporesi, Torino, Einaudi, 1995, Prima edizione «Nuova Universale Einaudi, 1970;

Quondamatteo, Grande dizionario (e ricettario) gastronomico romagnolo, Imola, Grafiche Galeati, 1978; Libero Ercolani, Vocabolario romagnolo – italiano, italianoromagnolo, Ravenna, Edizioni del Girasole, 2002 (prima edizione 1971).

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/08/20 09:11:37 GMT+2 ultima modifica 2020-08-20T09:11:37+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?