Dop, Igp e produzioni di qualità

Coniglio in umido, coniglio alla cacciatora

Forlì-Cesena

Territorio di produzione

L'intera provincia di Forlì-Cesena.

Descrizione sintetica del prodotto

Coniglio cotto con  aromi vari, cipolla, pomodoro e vino bianco.

Come si fa

Si pulisce bene il coniglio, si vuota, si taglia a piccoli pezzi, si lascia a bagno in acqua fredda e un po’ di aceto per alcune ore, si asciuga bene, si rosola in un tegame di terracotta con strutto o poco olio, sale, pepe abbondante, aglio tritato e un mazzetto di odori (rosmarino, salvia e alloro). Rosolato che sia, si bagna col vino e si porta a cottura a fiamma bassissima e a tegame coperto.

Intanto, si preparano a parte dei pomodori spellati e tritati, si saltano in padella con un trito di aglio, prezzemolo e sale, in strutto o olio d’oliva. Appena il coniglio è cotto e rosolato, si toglie il mazzetto di odori, si uniscono i pomodori e si mescola con delicatezza prima di lasciar stufare ancora per pochi minuti a fiamma bassissima.

Referenze bibliografiche

Vittorio Tonelli, A Tavola con il contadino romagnolo, 1986 Grafiche Galeati;

Primo Placci, Mangiari d’altri tempi nella Romagna popolare, 1978 – Walberti Edizioni Lugo;

Pellegrino Artusi, La Scienza in cucina e l’Arte di mangiar bene, introduzione e note di Piero Camporesi, Torino, Einaudi, 1995Prima edizione «Nuova Universale Einaudi 1970;

Liliana Babbi Cappelletti, Civiltà della tavola contadina in Romagna, 1993 Idealibri s.r.l. Milano.

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/08/20 16:45:42 GMT+2 ultima modifica 2020-08-20T16:45:42+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?