Dop, Igp e produzioni di qualità

Fagioli in giubalunga, fasul in zobalonga

Forlì-Cesena

Territorio di produzione

Areale appenninico forlivese.

Descrizione sintetica del prodotto

Piatto a base di fagioli, ciavàr, salsiccia matta, cotiche, pancetta, costoline, cotechino.

Come si fa

Ammollare i fagioli per una notte, metterli in una pentola con 2 litri di acqua fredda e farli cuocere a calore moderato. In una casseruola soffriggere la cipolla tritata in maniera grossolana e uno spicchio d’aglio, appena la cipolla è dorata aggiungere la carne di maiale e far rosolare con cura. A metà cottura sfumare con il vino bianco poi aggiungere la salvia e il rosmarino. A cottura quasi ultimata aggiungere i fagioli cotti in precedenza, poco dopo aggiungervi la passata di pomodoro e far bollire piano per circa un’ora. Il piatto così è pronto, il consiglio è di mangiarlo con il pane montanaro insipido o eventualmente con pane abbrustolito.

Curiosità

I fagioli, la “carne dei poveri”, era pressoché sempre presente nell’alimentazione quotidiana, tanto che nel paese di  San Piero,  parodiando l’inno di Garibaldi, si cantava:

Si scopron le pentole,si magian fagioli...figlioli, figlioli, veniteli a mangiar!

Referenze bibliografiche

Quondamatteo, Grande dizionario (e ricettario) Gastronomico romagnolo, Imola,Grafiche Galeati, 1978;

Vittorio Tonelli, A Tavola con il contadino romagnolo, Grafiche Galeati, 1986;

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/08/20 16:13:35 GMT+1 ultima modifica 2020-08-20T16:13:35+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?