Dop, Igp e produzioni di qualità

Lumache fritte

Forlì-Cesena

Territorio di produzione

Intera provincia forlivese e cesenate.

Descrizione sintetica del prodotto

Lumache, strutto, aglio, salvia aceto.

Come si fa

Finita la spurgatura, lavate bene le lumache in acqua fredda, poi mettetele a bollire per circa un’ora, in modo da poter togliere facilmente il guscio aiutandovi con una forchetta. Dopo aver tolto guscio e intestino mettete ciò che resta delle lumache in acqua con aceto e sale, poi scolatele bene. Tritate e infarinate il mollusco; poi mettetelo in padella con lo strutto. A metà cottura aggiungete uno spicchio d’aglio e qualche foglia di salvia. Prima di servirle in tavola conditele con un po’ di sale e pepe.

Curiosità

Fra gli usi di una volta c’era quello di porre una lumaca sotto l’assicella dove maturava o si conservava il formaggio, perché così facendo si credeva di evitare il rigonfiamento dello stesso.

La chiocciola veniva ingerita pressoché viva e bavosa, senza guscio e parzialmente nettata, dal malato di stomaco, in cerca di una saturazione naturale dell’ulcera gastrica attraverso quelle medicamentose vischiosità. Tre o quattro, per diverse mattine, costituivano un rimedio salutare, ancor oggi seguito da qualcuno.

Referenze bibliografiche

Vittorio Tonelli, "A Tavola con il contadino romagnolo", 1986 Grafiche Galeati;

Dizionario della cucina romagnola. Ricette, vini, personaggi …, a cura di E. Morini e S. Vicarelli, Bologna, Il Resto del Carlino, Poligrafici Editoriale, 1993;

Liliana Babbi Cappelletti, "Civiltà della tavola contadina in Romagna", 1993 Idealibri s.r.l. Milano;

Molinari Pradelli, La Cucina della Romagna, 1998 Newton & Compton editori s.r.l.;

Quondamatteo, L. Pasquini, M. Caminiti "Mangiari di Romagna", Grafiche Galeati - Imola 1975.

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/08/21 09:45:02 GMT+1 ultima modifica 2020-08-21T09:45:02+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?