Dop, Igp e produzioni di qualità

Miele di tiglio, mel tiglio

Ravenna, Forlì-Cesena

Territorio di produzione

Provincie di Ravenna, Forlì-Cesena.

Descrizione sintetica del prodotto

Il prodotto si ottiene con le consolidate tecniche di smielatura.

Un po’ di storia

Tra la fine dell’800 e l’inizio del 900, si sono definite le basi di una apicoltura moderna come ancora oggi viene praticata. L’aspetto più importante e caratterizzante è stata l’introduzione e la diffusione sul territorio regionale degli alveari razionali, in anticipo rispetto alle altre regioni italiane. L’apicoltura emiliano-romagnola si configura quindi, precocemente, come attività agricola evoluta: nel periodo succitato infatti si trovano numerosissime indicazioni del fervore di tale attività. Molti apicoltori che operano nella Regione rappresentano veri innovatori di tecniche e materiali apistici. In Italia solo la zona pedemontana del Piemonte produce questo tipo di miele.

Referenze bibliografiche

Tanari, V. Economia del cittadino in Villa, Bologna, 1644;

Dall’Archivio di Stato di Parma, V. riferimenti di Anonimo del XVIII secolo;

Atti legislativi relativi al settore apicoltura, a partire dal 1250, in Prima Inchiesta Apistica Nazionale, S.T.A.G. Trento, 1937.

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/03/19 13:17:35 GMT+2 ultima modifica 2020-03-19T15:41:45+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?