Dop, Igp e produzioni di qualità

Castagne fresche e secche di Granaglione

Bologna

Territorio di produzione

Provincia di Bologna, territorio della Comunità Montana Alta e Media Valle del Reno, Comune di Granaglione, per la fascia compresa fra i 300 m.s.l.m. ed i 900 m.

Descrizione sintetica del prodotto

Le castagne devono rispondere a determinate caratteristiche agronomiche: numero di frutti per riccio non superiore a 3 e pezzature specifiche per le varietà Pastanesi, Ceppe, Pelose, Brovalghe, Lisanesi, Calaresi, Marroni.

Un po’ di storia

Il castagno, fornitore di un alimento di primaria importanza, diventa “albero del pane” destinato a sfamare intere popolazioni dell’Appennino e non solo. Anche nell’Alta Valle del Reno si diffonde la coltivazione della “Castanea Sativa”. La storia degli insediamenti dei castagneti in questi territori non è certa, si può desumere sia stato introdotto da centinaia d’anni come ci insegna anche lo sviluppo di alcune piante pluricentenarie che ancora sopravvivono alla campagna del tannino. Attorno al 1920, infatti, nella zona fu insediata una fabbrica per la produzione di tanninoricavati dalla distillazione del legno dei castagni.

Come si fa

L’essiccazione delle castagne fresche va effettuata secondo le tecniche tradizionali e cioè con fuoco costante alimentato per 30-40 giorni, con spaccato di castagno senza aggiunta di altra specie.

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/03/19 13:16:33 GMT+2 ultima modifica 2020-03-19T15:40:44+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?