Dop, Igp e produzioni di qualità

Sughi d’uva reggiani, sugh

Reggio Emilia

Territorio di produzione

Provincia di Reggio Emilia.

Descrizione sintetica del prodotto

Si tratta di una sorta di budino fatto con il mosto dell’uva, zucchero e farina. Il mosto utilizzato di solito era quello ricavato da uva Lancellotta, tipico della regione di Reggio Emilia.

Un po’ di storia

L’origine del prodotto è squisitamente contadina, era limitata al periodo della vendemmia. Cibo tipico autunnale dei contadini, come altri prodotti tipici della civiltà agricola ha avuto in tempi recenti un grane successo come prodotto alimentare raffinato e raro. Utilizzato come dessert, spuntino o, accompagnato con pane, come piatto unico.

La prima opera gastronomica che ne parla è di Pellegrino Artusi nel capitolo dedicato agli sciroppi del 1800, in cui racconta di questo piatto a base di uva di cui viene descritta la ricetta. Eppure la storia ci racconta che qualcosa ci è stato tramandato da due popoli, in effetti molto diversi tra loro, ma che sono venuti in contatto proprio in Emilia, ovvero da un lato i romani e dall'altro i galli. “

Come si fa

Si fa bollire il mosto per parecchio tempo indi si aggiunge lentamente la farina e lo zucchero. Si cuoce ancora e lo si versa in stampi per essere raffreddato e quindi successivamente consumato.

Aneddoti e proverbi

Lo scrittore romano Plinio il Giovane raccontò di aver mangiato in Gallia Cisalpina un dolce a base di uva. Ma di che dolce si trattava? Sì sa poco di quello che avveniva in questa terra all'epoca, anche perché i gusti erano molto distanti da quelli moderni. Però sappiamo che fu un nobile locale della Gallia Cisaplina a offrire a Plinio questo piatto dolce a base d'uva, che per altro l'autore romano trovò molto invitante.

Referenze bibliografiche

Pellegrino Artusi “La scienza in cucina e l’Arte di mangiar bene”, 1800.

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/03/19 12:16:21 GMT+1 ultima modifica 2020-03-19T14:40:21+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?