Programma di sviluppo rurale 2014-2020

Progetti per servizi alla collettività: differimento tempi

Prorogati i termini di fine lavori, rendicontazione e presentazione della domanda di saldo per gli Enti Pubblici beneficiari del sostegno.

La Regione attraverso la Misura 7 e in particolare, attraverso i tipi di operazione7.4.01 “Strutture polifunzionali socioassistenziali per la popolazione”, 7.2.01 “Realizzazione di impianti pubblici per la produzione di energia da fonti rinnovabili” e 7.4.02 “Strutture per servizi pubblici”, ha finanziato interventi su tutto il territorio regionale per rafforzare la rete dei servizi pubblici nelle zone svantaggiate di collina e di montagna e, più in generale, per migliorare l’attrattività delle aree rurali in ritardo di sviluppo.

Sono 51 le concessioni di sostegno a favore di Enti pubblici, disposte anche a seguito dello scorrimento delle graduatorie connesso all’utilizzo di economie.Gli interventi finanziati riguardano in particolare la ristrutturazione e l’ampliamento di fabbricati di importanza storica e architettonica, di proprietà pubblica, da destinare a strutture poli-funzionali ove saranno erogati servizi per la popolazione rurale locale: dai servizi socio-sanitari e assistenziali, ai centri per attività sportive, culturali e artistiche, alla realizzazione di centrali pubbliche per la produzione di energia da fonti rinnovabili (termica o idroelettrica).

Atteso che molti Enti Pubblici beneficiari delle concessioni non hanno tuttavia ancora completato gli investimenti proposti nelle domande di sostegno, con l’obiettivo di massimizzare l’efficienza delle risorse impiegate e non disperderne alcunché, nella seduta del 9 marzo scorso la Giunta regionale ha approvato con delibera n. 179 (pdf, 248.56 KB)la possibilità di prorogare ulteriormente il termine di ultimazione degli interventi da parte degli Enti beneficiari.

Sono molteplici i motivi che hanno reso difficile rispettare la tempistica per l’ultimazione dei lavori: dalla presenza di vincoli sugli immobili, all’applicazione della disciplina del Codice degli appalti, alle avverse condizioni metereologiche, nonché le ulteriori difficoltà che ci si attende dall’emergenza legata alla diffusione del Coronavirus in regione.

Nell’interesse della collettività, gli Enti pubblici beneficiari di contributi sugli avvisi relativi ai tipi di operazione 7.2.01, 7.4.01 e 7.4.02 potranno presentare una specifica istanza motivata per ottenere una proroga al termine unico di fine lavori, alla rendicontazione delle spese e alla presentazione della domanda di pagamento a saldo, per un massimo di ulteriori 6 mesi.

 

 

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/03/18 16:39:38 GMT+2 ultima modifica 2020-03-18T16:39:38+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?