Programma di sviluppo rurale 2014-2020

Il biologico avanza inarrestabile in Emilia-Romagna

I risultati raggiunti grazie alla programmazione del Psr 2014-20 evidenziati in un video che racconta le Buone prassi di un'azienda frutticola e in una pubblicazione che sintetizza i dati del settore

L’Emilia-Romagna oggi è la quarta Regione in Italia per superficie coltivata a bio e per numero di operatori bio. Raggiunte le 7mila aziende agricole, con un incremento dell’85% dal 2014, e una superficie di circa 200mila ettari che rappresenta il 17% della Sau regionale (+102% sempre dal 2014), diventa sempre più a portata di mano il traguardo del 25% entro il 2030 previsto dall’Unione europea. 

Anche la dimensione media dell'azienda agricola biologica emiliano-romagnola è in costante aumento: nel 2020 è arrivata a 32 ha (media regionale 18 ha). La produzione bio è rappresentata prevalentemente da cereali e altre colture da granella per consumo umano ed animale (81%) e le foraggere. 

Tutto ciò è stato possibile grazie alle cospicue risorse impiegate dalla Regione tramite il Piano di sviluppo rurale sia come contributi diretti sia come meccanismi premiali ma anche grazie ai tanti agricoltori che hanno accettato di cogliere la sfida del bio.  

Nel video che pubblichiamo e che racconta le Buone prassi di un’azienda frutticola romagnola (Ecoter) all’avanguardia nelle colture sperimentali con oltre 70 ettari a biologico che ha, appunto, beneficiato delle risorse del Psr, l’assessore all’Agricoltura Alessio Mammi, pone l’accento sull’importanza della coltivazione biologica non solo per la tutela dell’ambiente ma anche per il suo valore sociale.

<<Il biologico – afferma l’assessore - è un settore decisivo per la salute dell’ambiente e delle persone, ma anche per il valore sociale che rappresenta soprattutto nei territori più fragili della nostra regione, pensiamo all’Appennino o alle zone del basso ferrarese. Un’impresa biologica che si insedia in queste zone significa nuovi posti di lavoro, una comunità più coesa e anche sviluppo. Puntiamo a superare gli standard previsti dall’Unione europea e prevediamo un investimento di altri 70 milioni di euro nei prossimi due anni>>.

Per far conoscere tutti i numeri del settore biologico la Regione ha pubblicato in questi giorni un opuscolo informativo dal titolo “Il supporto alla produzione biologica in Emilia-Romagna: risultati Psr 2014-2020 e prospettive con la nuova Pac”, che illustra i principali indicatori di settore. Partendo da un confronto con la situazione europea ed italiana ne evidenzia l’andamento nel tempo e analizza anche quali possono essere i motivi di questo successo con l’obiettivo di sostenere e incentivare ulteriormente nuove adesioni a metodi produttivi sostenibili per l’agroalimentare regionale.

Azioni sul documento

pubblicato il 2021/11/11 11:41:00 GMT+1 ultima modifica 2021-11-17T11:27:29+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?