Pesca e acquacoltura

Pesca acque interne e aree di pesca regolamentata

Qui informazioni su come la Regione disciplina la pesca sportiva, ricreativa e professionale nelle proprie acque interne.

Nelle acque interne della Regione è possibile esercitare attività di pesca sportiva-ricreativa e professionale, a partire da queste regole:

Attualmente la pesca in acque marittime è regolamentata dalla normativa statale.

A chi rivolgersi

Referenti per la pesca negli Ambiti territoriali

Recapiti telefonici ed e-mail dei funzionari presso i Servizi Territoriali

Settore Attività faunistico-venatorie e sviluppo della pesca 

Il coordinamento di queste attività è in capo al Settore Attività faunistico-venatorie e sviluppo della pesca. Per informazioni: Marco Rizzoli tel. 051 5276591

Per saperne di più

  • Il Programma ittico annuale regola la pesca in acque interne sul territorio regionale e provincia per provincia.
  • Calendari ittici A questo link sono disponibili i calendari ittici per ciascun territorio e riuniti in un Calendario regionale.

alto-leo-fanano.jpg

Aree di Pesca Regolamentata, cosa sono

Le Aree di Pesca Regolamentata (APR) sono tratti di fiume affidati in gestione a Comuni o loro Unioni per quanto riguarda l'esercizio della pesca sportiva, tipicamente ai salmonidi, sulla base di regole concordate con la Regione.

A loro volta, spesso i Comuni si avvalgono per la gestione di queste aree fluviali del supporto delle Associazioni Piscatorie locali.

Queste aree sono istituite con atto specifico della Regione e si pongono il fine di coniugare la valorizzazione e tutela  di luoghi ad alto valore ambientale e paesaggistico con la pesca sportiva, attività all'aria aperta che contribuisce al mantenimento in salute di chi la pratica.

La Regione Emilia-Romagna ha scelto di coinvolgere nell'organizzazione della fruizione di questi luoghi gli Enti locali e le Associazioni piscatorie e di promozione sociale, facendo della pesca sportiva in aree di grande valore naturalistico un'occasione di conoscenza e sensibilizzazione sui temi ambientali per il pubblico, e la possibilità di attivare iniziative di monitoraggio, tutela e recupero della fauna ittica locale, elemento chiave per la salute dell’ecosistema acquatico, per le istituzioni e associazioni coinvolte.

Le nostre Aree di Pesca Regolamentata

In Provincia di Piacenza:

Ferriere
L’Area di Pesca Regolamentata si estende sul Torrente Aveto da Ponte Ruffinati alla confluenza in Aveto del Rio Grande, in acque di categoria D, per una lunghezza complessiva di km 2,6 circa.
Il tratto individuato come Area di Pesca Regolamentata è suddiviso in due settori a cui corrispondono regolamentazioni differenti collegate a uno specifico permesso di pesca:

  • Tratto A: Zona a prelievo - Delimitazione: da Ponte Ruffinati a valle per circa 800 metri.
  • Tratto B: Zona “No-Kill”  Delimitazione: dalla confluenza in Aveto del Rio Grande a risalire per circa 1,8 km.

Per altre informazioni: Roberto tel. 335 8321971; Massimo 334 9271000

Ottone
L’Area di Pesca Regolamentata si estende sul Fiume Trebbia nel tratto compreso tra la confluenza Rio Senga e Ponte Lovaia, in acque di categoria D, per una lunghezza complessiva di km 3 circa.
Nell’Area di Pesca Regolamentata è consentita sia la pesca con prelievo che quella con rilascio immediato del pescato (sistema "No-Kill").
Per altre informazioni: 371 136 8577

In Provincia di Parma:

Tornolo
Estensione dell’Area: dalla Centrale Simonini fino alla confluenza del rio Chicinella suddivisa in due zone (circa 3,6 km).
Nell’ Area di Pesca Regolamentata sono consentite due tipologie di pesca, ciascuna collegata ad uno specifico permesso di pesca:


  • nel tratto di monte esteso dal ponte stradale in corrispondenza della Centrale Simonini fino alla confluenza del Rio di Varviaro in Taro per una lunghezza di 2 km circa si esercita solo la pesca alla trota
  • nel tratto di valle compreso tra confluenza del Rio di Varviaro in Taro e la confluenza del Rio Chilinella per una lunghezza di 1,6 km circa si esercita la pesca con obbligo di rilascio immediato del pescato (sistema “No Kill”).

Per informazioni: icavalieridelfiume@libero.it

Monchio delle Corti

L’Area di Pesca Regolamentata si estende sul tratto del Torrente Cedra compreso tra la briglia situata sotto il “nuovo” ponte di Lugagnano (Strada comunale per Vecciatica e il punto di captazione idrica dell’impianto ittiogienico di Monchio “Troticoltura Val Cedra”, situato a circa 1400 metri più a monte.
Il tratto individuato come Area di Pesca Regolamentata è condotto con modalità gestionale unica a prelievo nullo ("No-Kill")
Per informazioni: 3474645094

Bedonia
Il tratto del Fiume Taro interessato si estende tra il Lago di Pometo e la diga di Piane di Carniglia, in acque di categoria D, per uno sviluppo complessivo di km 1,8 circa.
Nell’ Area di Pesca Regolamentata sono consentite due tipologie di pesca:

  • dalla diga di Piane di Carniglia sino al ponte di Pometo: Pesca alla sola trota con prelievo
  • dal ponte di Pometo sino al ponte della S.P. n. 24 di Tornolo: Pesca con obbligo di rilascio immediato del pescato (sistema “No Kill")


Informazioni: 0525/824148

In Provincia di Reggio Emilia:

Villa Minozzo

L’Area di Pesca Regolamentata si estende sul Torrente Dolo nel tratto compreso da 1,5 km a monte del ponte della SP 96 Villa Minozzo – Piandelagotti e 1,5 km a valle del suddetto ponte, fino alla confluenza con il torrente Riaccio, in acque di categoria D.

I tratti individuati come Area di Pesca Regolamentata sono sottoposti a regolamentazioni differenti della pesca e sono collegati ad uno specifico permesso di pesca:

  • Zona Turistica a Trofei solo con Esche Artificiali (tratto blu)
  • Localizzata a monte per 1,5 km dalla SP96.
  •  
  • Zona Turistica a Prelievo (tratto verde)
  • Localizzata a valle per 1,5 km dalla SP96 fino alla confluenza con il torrente Riaccio.

Altre informazioni: 3475748878

Ventasso

L’Area di Pesca Regolamentata si estende sui seguenti tratti:

  • Torrente Liocca, dal Ponte del Mulino di Cecciola sino al guado del sentiero CAI SD “Sentiero dei Ducati”;
  • Torrente Ozola, dalle briglie di Cinquecerri poste a 575 metri di quota s.l.m. (confluenza Fosso Ravaneto) sino alla confluenza con Torrente Guadarolo;
  • Torrente Biola, dalla foce sino al ponte della Strada Statale 63;
  • Canale Cerretano, dalla foce sino al ponte nel centro di Cerreto Alpi;
  • Torrente Riarbero, dalla foce sino alla confluenza con il Rio del Tornello;
  • Fiume Secchia, n. 2 tratti: uno più a valle dalla briglia a valle del Ponte di Marmoreto sino al ponte della strada forestale Acquabona – Nasseta, e uno più a monte dal ponte della Strada Provinciale n°91 sino al ponte di collegamento SS63 – Cerreto Alpi;
  • Lago del Cerreto, rive Nord e Sud per una lunghezza non superiore al 40% del perimetro.

I tratti individuati come Area di Pesca Regolamentata sono sottoposti a regolamentazioni differenti della pesca e collegate a uno specifico permesso di pesca.

Z.TU.PR. – Zone Turistiche a Prelievo:

Torrente Ozola, dalle briglie di Cinquecerri poste a 575 metri di quota s.l.m. (confluenza Fosso Ravaneto) sino alla confluenza con Torrente Guadarolo;

Lago del Cerreto, rive Nord e Sud per una lunghezza non superiore al 40% del perimetro.

Z.TU.NK. – Zone Turistiche No Kill:

Fiume Secchia - dal ponte della Strada Provinciale n°91 sino al ponte di collegamento SS63 – Cerreto Alpi;

Torrente Riarbero, dalla foce sino alla confluenza con il Rio del Tornello.

Z.TU.TR. – Zone Turistiche a Trofeo:

  • Torrente Liocca, dal Ponte del Mulino di Cecciola sino al guado del sentiero CAI SD “Sentiero dei Ducati”;
  • Torrente Biola, dalla foce sino al ponte della Strada Statale 63;
  • Canale Cerretano, dalla foce sino al ponte nel centro di Cerreto Alpi;
  • Fiume Secchia, dalla briglia a valle del Ponte Marmoreto sino al ponte della strada forestale Acquabona;

Per altre informazioni: 0522 891911

In Provincia di Modena:

Fanano

L’Area si estende sui seguenti tratti:

Torrente Leo, dalla confluenza dei torrenti Ospitale e Fellicarolo alla confluenza con il torrente Dardagna;

Torrente Ospitale, dalla prima briglia a monte del ponte di ferro fino al ponte Rifolengo;

Torrente Fellicarolo, dalla captazione della centrale “Potamos” alla briglia a monte dei Due Ponti.

 I tratti individuati come Area di Pesca Regolamentata sono sottoposti a regolamentazioni differenti della pesca e collegate a specifico permesso di pesca:

Settore A: ZONA NO KILL

Delimitazione: dalla prima briglia a valle del laghetto “il Lido” scendendo a valle fino alla terza briglia.

Settore B: ZONA A PRELIEVO

Delimitazione: dalla terza briglia sotto il laghetto ‘Il Lido’ all’ultima briglia a valle della Località Mulino (Via Mulino).

Settore C: ZONA A PRELIEVO GRATUITA CON LIMITAZIONE ORARIA

Delimitazione: dalla prima briglia a valle del Lido salendo fino alla seconda briglia sul Torrente Fellicarolo e alla prima briglia sul Torrente Ospitale

Settore D: NO KILL A BOX INDIVIDUALI CON OBBLIGO DI PRENOTAZIONE

Delimitazione: sul Torrente Ospitale dal ponte “Rifolengo” a salire fino alla prima briglia a monte del ponte “di Ferro”; sul Torrente Fellicarolo dal ponte a monte dei Due Ponti a salire fino alla captazione della centrale idroelettrica ‘Potamos’.

Settore E: ULTRABOX: AREA NO KILL ESTREMA CON OBBLIGO DI PRENOTAZIONE

Delimitazione: sul torrente Ospitale dalla prima briglia a monte della confluenza col Torrente Fellicarolo a salire fino al ponte “Rifolengo”.

 Maggiori informazioni: 333 6935336

 Fiumalbo

L’Area si estende lungo i torrenti Rio San Rocco e Rio San Francesco dalla confluenza a valle del paese con il Rio Acquicciola ed a monte con il ponte sulla viabilità Lago-Dogana e sempre dalla stessa confluenza lungo il Rio Acquicciola fino all’incrocio con il Rio Pistone.

Il tratto individuato come Area di Pesca Regolamentata è suddiviso in due settori a cui corrispondono regolamentazioni differenti collegate a uno specifico permesso di pesca:

  • Zona A: NO-KILL - Delimitazione: intero tratto del Rio Acquicciola e sul Rio San Rocco dalla confluenza con il Rio Acquicciola a risalire fino alla briglia poco sopra il Comune.
  • Zona B: Zona a Prelievo - Delimitazione: dal Ponte di Via Lago alla briglia poco sopra il Comune.

Contatti: 338 9763296

In Provincia di Forlì-Cesena:

Premilcuore

L’Area riguarda il tratto di fiume Rabbi compreso tra il ponte dei Carabinieri (a monte) e il ponte delle Piane (a valle), in acque “D”, lunghezza km 2 circa.

Nell'Area di Pesca Regolamentata è consentita esclusivamente la pesca con obbligo di rilascio immediato del pescato (sistema "No-Kill")

Per informazioni:  328 6099089

email: pescatorialtorabbi@gmail.com

 S. Sofia

L’Area riguarda il tratto di fiume Bidente compreso tra l'impianto di potabilizzazione di Romagna Acque in località Verdia (a monte) e la briglia Enel posta nell'abitato di S. Sofia (a valle), in acque “C”, lunghezza km 3 circa.

Nell’ Area di Pesca Regolamentata sono consentite due tipologie di pesca, ciascuna collegata ad uno specifico permesso di pesca:

  • Pesca a prelievo alla sola trota.
  • Pesca con obbligo di rilascio immediato del pescato (sistema “No Kill")

Riferimenti per informazioni:

Graziani Luca 328 8582960

Filipperi Mauro 339 8580486

Rossi Giuseppe (Rossano) 339 6020205

 Bagno di Romagna

L’Area riguarda il tratto del fiume Savio compreso tra il bivio della Sp 138 e la Sp 142 dei Mandrioli (a monte) e il primo edificio del depuratore di Fontechiara, sulla sinistra idrografica del fiume Savio in località S. Piero in Bagno (a valle), in acque “C”, lunghezza km 8 circa.

Nell'area è consentita esclusivamente la pesca con obbligo di rilascio immediato del pescato (sistema "No Kill")

Maggiori informazioni: 0543/900411

In Provincia di Rimini:

Pennabilli-Casteldelci

L’Area si estende in un tratto del fiume Marecchia compreso tra il confine con la provincia di Arezzo (a monte) e la confluenza del torrente Torbello (a valle di Molino di Bascio), in acque “C”, lunghezza km. 2,5 circa. 

  • Pesca no-kill dal 1° ottobre al 31 marzo.
  • Pesca a prelievo dal1° al 30 aprile 

Informazioni:  0541 915826


Norme e documenti sulle Aree di Pesca Regolamentata

Questa sezione contiene gli atti istitutivi delle Aree di Pesca Regolamentata.

  • Istituzione di Apr nei Comuni di Ottone, Ferriere, Bedonia, Monchio delle Corti, Fiumalbo, Pievepelago, Fanano, Bagno di Romagna, Premilcuore, Santa Sofia, Portico-San Benedetto DGR n. 400/2018
  • Istituzione delle APR di Pennabilli-Casteldelci e di Tornolo DGR n. 15/2019
  • Ampliamento Area Alto Leo-Panaro Comune di Fanano DGR n. 466/2019
  • Modificazione Aree di Fanano e Bedonia e istituzione Area di Ventasso DGR 384/2021
  • Istituzione dell’Area di Villa Minozzo e revoca di Pievepelago e Portico-San Benedetto DGR 322/2022

Altre info sulla pesca sportiva-ricreativa

La licenza di pesca sportiva

Pubblicazioni

Azioni sul documento

pubblicato il 2019/08/19 09:55:00 GMT+2 ultima modifica 2022-04-18T08:02:01+02:00
Hanno contribuito: Tagliani_E

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?