Produzioni agroalimentari

Fungo di Borgotaro Igp

Il Fungo di Borgotaro Igp è un porcino di forma arrotondata e carnosa, odore gradevole e sapore aromatico

Fungo di Borgotaro IgpIn particolare, comprende le seguenti varietà di Boletus derivate da crescita spontanea: Boletus aestivalis, Boletus pinicola, Boletus aereus, Boletus edulis. Sono idonei alla produzione i boschi allo stato puro o misto delle seguenti specie:

  • latifoglie: faggio, castagno, cerro ed altre specie quercine, carpino, nocciolo, pioppo tremolo;
  • conifere: abete bianco e rosso, pino nero e silvestre, pseudosuga menzienzii, governati sia a ceduo, ceduo composto e fustaia sia derivate da evoluzione naturale che da conversione.

Consorzio del fungo di Borgotaro Igp
Via Nazionale, 54 - 43043 Borgo Val di Taro (PR)
Tel. 0525 90155
Fax 0525 91154
www.fungodiborgotaro.com
info@fungodiborgotaro.com

Organismo di controllo
Suolo e Salute
Via Galliera 93 - 40121 Bologna
Tel. +39 051 6751256
Fax +39 051 6751266
www.suoloesalute.it

Zona geografica di produzione

Il fungo di Borgotaro si raccoglie nei boschi dei comuni di Borgo Val di Taro e Albareto, in provincia di Parma, e di Pontremoli, in provincia di Massa Carrara.

Storia

Le prime notizie che riportano al Fungo di Borgotaro le troviamo nell'Istoria di Borgo Val di Taro redatta da Alberto Clemente Cassio (1669-1760). Un'ulteriore testimonianza della produzione fungina si ricava dal vocabolario topografico del Ducato di Parma, Piacenza e Guastalla di Lorenzo Molossi (Parma 1832-1834). Anche Tommaso Grilli nel libro Manipolo di cognizioni con cenni storici di Albareto, di Borgotaro, edito nel 1893, testimonia della raccolta e produzione dei funghi.

Uso in cucina

I funghi freschi si possono essiccare, surgelare e preparare sott'olio, secondo varie ricette. Questo fungo è un ingrediente ideale nella preparazione di tantissimi piatti della tradizione locale. innumerevoli sono anche gli usi in cucina: trifolati, sughi per paste asciutte, paste ripiene, crudi in insalate e in tanti secondi piatti.

Curiosità

Prima di essiccarli è meglio non lavarli, ma solo ripulirne la superficie esterna, tagliarli a fette ed esporli al sole per qualche giorno su una tavola di legno. In alternativa, i funghi si possono anche surgelare, nel qual caso andrebbero prima cotti, per evitare che durante lo scongelamento si rammolliscano perdendo acqua.

Azioni sul documento
Pubblicato il 20/12/2013 — ultima modifica 07/01/2014
In evidenza
 
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it