Avversità e difesa delle piante

Batteriosi dell’actinidia: la situazione fitosanitaria in Emilia-Romagna e le prescrizioni 2016 per l’attività vivaistica

Con la pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna della determinazione n. 11456 del 18 luglio 2016, entrano in vigore le prescrizioni del Servizio fitosanitario per la produzione e il prelievo in Emilia-Romagna di materiale di moltiplicazione di actinidia.

Si tratta di misure  che hanno lo scopo di impedire la diffusione della batteriosi causata da Pseudomonas syringae pv. actinidiae (PSA), in applicazione a quanto disposto dal  D.M. 20 dicembre 2013.
La produzione vivaistica di piante di actinidia e relativi materiali di riproduzione (polline, marze) è vietata nelle aree della regione dove la malattia è già presente o è elevato il  rischio di contaminazione e trasmissione del batterio.

Sulla base dei monitoraggi effettuati dal Servizio fitosanitario, sono state individuate nel territorio regionale le “aree di sicurezza” attorno a focolai circoscritti della batteriosi (“aree contaminate”) e una zona più ampia (“area di contenimento”), estesa su parte delle province di Ravenna,  Forlì-Cesena e Bologna dove il batterio è già diffuso e non è tecnicamente possibile prevederne nel breve termine l’ eradicazione.

All'interno dell’”area di contenimento” e delle “aree di sicurezza” estese per un raggio di 500 metri attorno ai focolai , non sono consentiti  il prelievo di marze e di polline e la costituzione di vivai di actinidia. Si potranno produrre piante del gen. Actinidia esclusivamente in strutture che abbiano un'adeguata protezione da contaminazioni esterne.
Nelle aree indenni da PSA i  nuovi campi di produzione vivaistica di actinidia dovranno rispettare una distanza minima di 500 metri da frutteti nei quali è stato rilevato il batterio e di  4500 metri da focolai attivi di PSA.

La situazione fitosanitaria in Emilia-Romagna relativa ai focolai di PSA viene monitorata e aggiornata in tempo reale: per visualizzare le aree di sicurezza e contenimento del PSA si può consultare la cartografia fitosanitaria interattiva.

Determinazione n. 11456 del 18 luglio 2016 (pdf757.21 KB)
Definizione dello stato fitosanitario del territorio della Regione Emilia-Romagna relativamente al batterio Pseudomonas syringae pv. actinidiae (PSA)

D.M. 20 dicembre 2013 (pdf56.59 KB)
Misure per impedire l'introduzione e la diffusione di Pseudomonas syringae pv. actinidiae Takikawa, Serizawa, Ichikawa, Tsuyumu & Goto nel territorio della Repubblica italiana

Azioni sul documento

pubblicato il 2014/04/23 00:00:00 GMT+2 ultima modifica 2018-06-01T11:40:00+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?