Avversità e difesa delle piante

CERCOPRI (CERCOspora PRimary Infection) - CERCODEP (CERCOspora Development of EPidemics)

Malattia: Cercosporiosi della barbabietola
Patogeno: Cercospora beticola Sacc.

Istituto di Entomologia e Patologia Vegetale, Università Cattolica del Sacro Cuore, Piacenza (Italia)

Dati meteorologici utilizzati

  • Temperatura oraria (°C)
  • Pioggia (mm)
  • Umidità relativa (%)

Input

Ambientale:
T = temperatura oraria o media giornaliera dell'aria
RH = umidità relativa oraria o media giornaliera
R = precipitazioni orarie o giornaliere
Colturale:
Indice di resistenza varietale alla malattia (in classi da suscettibile a resistente)
Data di comparsa dei primi sintomi della malattia

Output

Il modello previsionale utilizzato per razionalizzare i trattamenti anticercosporici è fondamentalmente composto di due parti. La prima, denominata CERCOPRI (CERCOspora PRimary Infection), è in grado di prevedere la comparsa dei primi sintomi in campo, la seconda, CERCODEP (CERCOspora Development of EPidemics), permette di simulare lo sviluppo attuale delle epidemie e di prevederne l’andamento futuro, in modo da posizionare razionalmente il primo trattamento fungicida anticercosporico.

Come funziona CERCOPRI

Ad ogni stazione meteorologica vengono associati un certo numero di campi, in funzione della distanza da questa e dell’omogeneità delle condizioni epidemiologiche. Usando i dati meteorologici, il modello calcola, giorno per giorno, la percentuale di campi di bietola infetti sul totale di quelli presenti nella zona: se alla stazione meteorologica sono associati 10 campi, un indice di valore 30 indica che la malattia è probabilmente già presente in 3 dei 10 campi (ossia il 30%).

Soglia di comparsa primi sintomi
Dal punto di vista applicativo, si considera che la malattia sia sicuramente presente in una zona facente riferimento ad una stazione meteorologica quando il modello segnala una frequenza di campi infetti uguale o superiore al 30%.


Come funziona CERCODEP Fig. 1. Area fogliare colpita simulata dal modello previsionale compreso le infezioni latenti che compariranno al termine del periodo di incubazione.

CERCODEPE’ un modello che calcola, giornalmente a partire dal primo giorno dell’infezione, la percentuale di area fogliare ammalata sulle foglie di barbabietola da zucchero, ossia lo sviluppo nel tempo delle epidemie. Usando i dati meteorologici viene calcolato un tasso giornaliero che rappresenta il tasso di crescita della gravità di malattia, espresso come infezioni sia visibili (area necrotica) che latenti (il micelio si sviluppa nel tessuto fogliare senza che il tessuto stesso manifesti ancora sintomi di malattia)

Il modello simula l’andamento della malattia dal giorno di comparsa dei primi sintomi fino al giorno attuale (ultimo giorno per il quale sono disponibili i dati meteorologici); quindi, prevede l’andamento futuro, per un periodo di giorni pari alla durata del periodo di incubazione della malattia (circa 10 giorni).

A partire dal giorno di comparsa (rilevato in campo o calcolato con il modello CERCOPRI) il modello genera una curva di sviluppo della malattia per le cultivar di bietola Sensibili, Medio Sensibili, Medio Resistenti e Resistenti.
Il modello é in grado di fornire una previsione dello sviluppo futuro della malattia per un numero di giorni pari all’ultimo periodo di incubazione.

La previsione é spiegata nell’esempio rappresentato in figura. La malattia compare il giorno 1° luglio ed i dati meteo sono disponibili fino all’11 luglio: la linea blu rappresenta l’andamento dell’infezione fino all’11 luglio, sia come area fogliare ammalata visibile (indicata con 1) che come quantità di malattia latente all’interno del tessuto fogliare (indicata con 2). Il modello calcola la durata del periodo di incubazione (in questo caso di 8 giorni) e genera una previsione dell’aumento dell’area fogliare ammalata in base all’espressione sulla foglia dell’area fogliare latente che diventa man mano visibile (indicata con 1+2) (Fig. 1 e Tab. 1).

Tab. 1. Esempio di calcolo simulato dal modello previsionale con la previsione del giorno in cui le infezioni latenti compariranno in campo

Data

Area fogliare ammalata

Area fogliare latente

Incubazione

Giorno in cui l'area fogliare latente sarà visibile

01-Jul

0,2

0,1

8

09-Jul

02-Jul

0,25

0,3

8

10-Jul

03-Jul

0,3

0,2

10

13-Jul

04-Jul

0,32

0,3

8

12-Jul

05-Jul

0,34

0,4

8

13-Jul

06-Jul

0,5

0,5

8

14-Jul

07-Jul

0,58

0,4

8

15-Jul

08-Jul

0,64

0,7

7

15-Jul

09-Jul

0,68

0,3

8

17-Jul

10-Jul

0,75

0,5

8

18-Jul

11-Jul

0,84

0,4

8

19-Jul

Giorni di previsione (pari all'ultimo periodo d'incubazione)

Area fogliare ammalata prevista

Aree fogliari latenti da sommare

12-Jul

0,84

0,3

.

.

13-Jul

1,14

0,2

0,4

.

14-Jul

1,74

0,5

.

.

15-Jul

2,24

0,4

0,7

.

16-Jul

3,34

.

.

.

17-Jul

3,34

0,3

.

.

18-Jul

3,64

0,5

.

.

19-Jul

4,14

0,4

.

.


Soglie di intervento adottate

Per l'uso del modello CERCODEP sono previste due soglie per l'inizio dei trattamenti:

Δ2: il trattamento viene consigliato quando l'incremento settimanale di area fogliare ammalata é compreso nell'intervallo 1.8 – 2.2 %. Un esempio é illustrato in tabella 1.
Questa soglia tiene conto del fatto che le epidemie si evolvono assai lentamente fino al momento in cui non si raggiunge tale soglia (Tab. 2).

Tab. 2. Soglia di intervento pari al 2% di incremento settimanale di area fogliare ammalata simulato dal momento della prima comparsa

Data

AFA(1)

Data - 7

AFA(2)

AFA(1)-AFA(2)

17-Jul

0,64

10-Jul

0,2

0,44

18-Jul

0,68

11-Jul

0,25

0,43

19-Jul

0,75

12-Jul

0,3

0,45

20-Jul

0,84

13-Jul

0,32

0,52

21-Jul

1,14

14-Jul

0,34

0,8

22-Jul

1,74

15-Jul

0,5

1,24

23-Jul

2,24

16-Jul

0,58

1,66

24-Jul

3,34

17-Jul

0,64

2,7

25-Jul

3,34

18-Jul

0,68

2,66

26-Jul

3,64

19-Jul

0,75

2,89

In questo caso la soglia 1.8 – 2.2 % é oltrepassata tra il 23 ed il 24 luglio.

AFA (Area Fogliare Ammalata): il primo trattamento viene suggerito quando il valore di area fogliare ammalata é tra il 3.5 ed il 4.5%.
Questa ultima soglia si basa sul seguente criterio della soglia economica di danno. Tale soglia é pari al 10% dell'area fogliare ammalata, dato che al di sotto di tale valore i trattamenti con fungicidi non consento incrementi produttivi. Dato che é indispensabile effettuare il trattamento prima che la soglia economica di danno sia raggiunta, si ritiene opportuno intervenire quando la gravità totale della malattia (visibile più latente) è pari al 10%; ciò corrisponde ad un valore di area ammalata visibile pari a circa il 4%. In altri termini, si tratta della percentuale di area fogliare ammalata visibile oggi che, sommate tutte le aree fogliari latenti dei giorni successivi fino al termine del periodo d'incubazione, darà un valore di area fogliare visibile pari al 10% (Fig.3).

 

Fig. 2. Simulazione dellarea fogliare ammalata

AFA

Utilizzando il modello ed effettuando un numero statisticamente sufficiente di simulazioni, si é verificato che un’area fogliare ammalata visibile pari al 4 % oggi si tradurrà, alla fine di un periodo d’incubazione medio pari a 11 giorni, in un’area fogliare ammalata pari al 10%, corrispondente ad un potenziale danno economico per la produzione. Cautelativamente il valore pari al 4% é stato trasformato in una forbice tra il 3.5 ed il 4.5 %, che di fatto costituisce il valore soglia adottato.

Purtroppo negli ultimi anni il valore aggiunto derivante dall’applicazione dei due modelli è stato penalizzato dal progressivo panorama delle caratteristiche delle varietà messa a disposizione dal mercato che è stato orientato verso una minore attenzione alla resistenza alla cercospora a favore di varietà più produttive e resistenti ai nematodi e alla rizoctonia.

Bibliografia

BATTILANI P., ROSSI V. - Modellamento dello sviluppo epidemiologico di Cercospora beticola Sacc. in funzione del clima. Atti Giornate Fitopatologiche, 1986, vol. 2, 283-294.

BATTILANI P., ROSSI V. - Dinamica delle epidemie di Cercospora beticola Sacc. su barbabietola da zucchero.II. Un modello di sviluppo. Phytopathologia Mediterranea, 1988, 27, 69-72.

ROSSI V., BATTILANI P. - Previsione della comparsa e della evoluzione delle epidemie di Cercospora beticola su barbabietola da zucchero. Atti Seminario "Agrometeorologia Applicata", Piacenza, Italia, 1990. In: Quaderni dell'Amministrazione Provinciale di Piacenza, 22, 155-166.

ROSSI V., BATTILANI P. - CERCOPRI: a forecasting model for primary infections of Cercospora leaf spot on sugarbeet. Proc. Symposium on Practical Applications of Agrometeorology to Plant Protection, Firenze, Italy, 1990. In: Bulletin OEPP, 1991, 21, 327-531.

BATTILANI P., ROSSI V.- Verifica di un metodo climatico per la previsione delle infezioni primarie di Cercospora beticola Sacc. Informatore fitopatologico, 1991, 41(6), 59-63.

ROSSI V., BATTILANI P., RACCA P. - CERCODEP, a simulator for Cercospora leaf spot on sugarbeet. Proc. 6th International Congress of Plant Pathology, Montreal, Canada, 1993, 102 (Abstract).

BATTILANI P., ROSSI V., RACCA P. - Risk for Cercospora leaf spot disease on sugarbeet in Emilia Romagna. Proc. IX Symposium pesticide chemistry, Piacenza, Italia, 1993, 795 – 806.

BATTILANI P., RACCA P., ROSSI V. - Sensivity of a simulation model for cercospora leaf spot on sugarbeet to meteorological data. Proc. Workshop on Computer-based DSS on Crop Protection, Parma, Italy, 1993. In: SP report n.7, Danish Institute Plant and Soil Science, 1993, 225 – 233.

BATTILANI P., LANGUASCO L., RACCA P., ROSSI V. - Impiego di un modello di simulazione delle epidemie di Cercospora beticola nella difesa della barbabietola da zucchero. Atti Convegno nazionale "Protezione delle colture. Osservazioni, previsioni, decisioni", Pescara, Italia, 1993, 267-280.

ROSSI V., RACCA P., BATTILANI P. - A simulation model for Cercospora leaf spot on sugarbeet. Phyopathologia mediterranea, 1994, 33, 105-112.

GIOSUE' S., RACCA P., ROSSI V. - Use of stochastic processes in simulating Cercospora leaf spot epidemics on sugarbeet. Phytopathologia mediterranea, 1995, 34, 204-206.

ROSSI V. - Use of a simulation model "CERCODEP" in the control of Cercospora leaf spot on sugar beet. Proc. 58th I.I.R.B. Congress, 1995, 355-359.

ROSSI V., RACCA P., BATTILANI P., GIOSUE' S. - Un sistema di supporto al controllo della cercosporiosi sulla barbabietola da zucchero. L'Informatore Agrario, 1996, 52 (1), 61-64.

BATTILANI P., GIOSUE' S., RACCA P., ROSSI V. - A decision support system for cercospora leaf spot on sugarbeet. Proc. 4th International EFPP Symposium, Bonn, Germany, 1996, Bonn, 275-279.

Azioni sul documento

pubblicato il 2012/11/21 13:25:00 GMT+2 ultima modifica 2019-02-04T12:57:00+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?