Avversità e difesa delle piante

Moscerino della frutta

Drosophila suzukii

A differenza delle altre specie di Drosophila che si sviluppano su frutta danneggiata o marcescente, questo moscerino è in grado di attaccare frutti sani. E' estremamente polifago e costituisce una seria minaccia per numerose colture agrarie (ciliegio, lampone, mirtillo, fragola, uva).

In Emilia-Romagna è stato trovato per la prima volta nel 2011. I monitoraggi effettuati  con l'ausilio di trappole per la cattura degli adulti,  hanno  rilevato la presenza del parassita in diverse  aree  del territorio regionale. Ai produttori si consiglia di monitorare i propri impianti e intervenire tempestivamente ai primi sintomi di infestazione.

maschio

femmina

ciliegia colpita

albicocca colpita

A Vignola, area di riferimento regionale per la coltura specializzata del ciliegio IGP, si è voluto dare un forte impulso alla sperimentazione volta all’individuazione di soluzioni innovative, avviando un programma sperimentale che prevede l’integrazione di sistemi di protezione basati sull’impiego di reti multifunzionali abbinate alla verifica delle potenzialità del controllo biologico territoriale delle popolazioni di Drosophila suzukii mediante insetti antagonisti naturali.

Reti multifunzionali e lotta biologica per valorizzare le produzioni cerasicole emiliano-romagnole

Programma regionale 2021 di lotta biologica al moscerino asiatico (D. suzukii)

Approfondimenti e immagini

Le strategie di difesa contro Drosophila suzukii (pdf146.04 KB)
Agricoltura - aprile 2015

Il moscerino dei piccoli frutti (pdf858.52 KB)
(Drosophila suzukii Matsumara)

Un piccolo moscerino mette a rischio la frutta (pdf127.9 KB)
Agricoltura - marzo 2011

eppo-16 Galleria immagini EPPO

A chi rivolgersi

Rocchina Tiso 

Azioni sul documento

pubblicato il 2012/11/27 16:30:00 GMT+2 ultima modifica 2021-11-10T17:44:32+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?