Fitosanitario e difesa delle produzioni

Modello POWGRAPRI

Malattia: Oidio della vite
Patogeno: Uncinula necator

Modello di simulazione delle infezioni primarie di oidio della vite

L'università Cattolica di Piacenza in collaborazione con il Servizio fitosanitario della Regione Emilia-Romagna, nell’ambito di un progetto finalizzato alla realizzazione di modelli revisionali per le più importanti avversità crittogamiche della regione, ha messo a punto un modello meccanicistico in grado di simulare i processi infettivi primari dell’oidio.
Il modello, partendo da dati orari di temperatura, umidità relativa, pioggia, bagnatura fogliare e deficit di pressione di idrico (VPD) registrati dal primo giorno dell’anno, determina i giorni climaticamente favorevoli per la maturazione delle ascospore (Fig. 23). La percentuale di ascospore liberate ad ogni evento piovoso utile, caratterizzato da piogge di almeno 2,5 mm con temperatura di almeno 10 °C (secondo il modello Gadoury), viene calcolato in funzione dei giorni trascorsi dalla data di germogliamento della vite attraverso un sottomodello che accumula unità termiche sopra i 10°C a partire dal 1° gennaio. Ogni rilascio comprenderà una quota di ascospore decurtata della quantità di queste rilasciate in precedenza (Fig. 24). Successivamente viene calcolato il tasso di germinazione e formazione dell’appressorio delle ascospore in funzione di temperatura e VPD e  l’indice di infettività ascosporica sulla base del prodotto della proporzione di ascospore rilasciate con il tasso di germinazione. Tali fattori concorrono alla definizione del Rischio di infezione (Fig. 25). Infine il modello calcola il periodo di incubazione prima che le infezioni primarie si manifestino in campo (Fig. 26).

INPUT

  • Temperatura oraria (°C)
  • Umidità relativa oraria (%)
  • Precipitazione oraria (mm)
  • Bagnatura fogliare (h)

 

OUTPUT

  • la percentuale di ascospore rilasciate ad ogni evento piovoso utile
  • il valore del rischio della probabile infezione primaria
  • il calcolo del periodo di incubazione al termine del quale possono compartire i primi sintomi di infezione primaria

 

Fig. 23. Oidio della vite -  Modello Powgrapri  -  Potenziale ascosporico disponibile

Figura 23

Fig. 24. Oidio della vite -  Modello Powgrapri  - Rilascio, ad ogni evento piovoso utile, delle ascospore maturate

Figura 24

Fig. 25  Oidio della vite -  Modello Powgrapri  -  RISK: Indice di rischio infettivo
Figura 25

Fig. 26. Oidio della vite -  Modello Powgrapri  - Termine del periodo di incubazione

Figura 26

Azioni sul documento

ultima modifica 2019-08-23T19:06:00+01:00
Questa pagina ti è stata utile?

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?